tramadol confusion tramadol 50 mg carbamazepine and tramadol

tramadol and hives buy tramadol morphine equivalent to tramadol

get alprazolam St. Louis buy xanax adderall vicodin and xanax

buy ambien online Missouri buy ambien ambient weather ws-1000 manual

ambien glass of water buy ambien online how many mg of ambien is dangerous

soma vestibulares bh buy soma soma linyit madeni işçi alımı

soma de dois numeros em c++ soma no prescription soma dos elementos de uma matriz quadrada

temazepam vs ambien order ambien online what happens if you take 4 ambien

encontre a soma dos 70 primeiros números naturais ímpares buy soma online no prescription carisoprodol buy San Bernardino

how long does it take to get physically dependant on xanax buy xanax how fast do you build tolerance to xanax

Notizie & Eventi

Le Ultime di Radio Danza
07 febbraio 2018

Bit di Maguy Marin apre Equilibrio Festival.

Maguy Marin, storica coreografa della “Nouvelle Danse Française”, inaugurerà martedì 13 Febbraio in Sala Petrassi, presso l’Auditorum Parco della Musica, il programma di Equilibrio Festival con BiT, la sua ultima creazione realizzata per la Biennale de la Danse di Lione 2014. Il brano segna il ritorno al movimento, a un rapporto stringente, quasi ossessivo, con la musica. Tutto comincia da un lavoro sul ritmo, come il ritmo di ciascuno si articola in relazione a quello degli altri. Una questione ‘politica’ per Marin sebbene lo spettacolo non la enfatizzi. Come si formano le masse? Come le solitudini? Quale mistero regola i flussi? Lo spettacolo è una sorta di lotta, di resistenza alla morte per sei interpreti ossessionati dal ritmo, travolti in una farandole incessante che li trascina nel vuoto. E questo viaggio nell’abisso, nell’incapacità di sganciarsi dal passo della società, si svolge su un’ostinata musica techno creata dal giovane musicista tolosano Charlie Aubry. La scena è spoglia, ci sono soltanto sei pedane inclinate sulle quali i danzatori si arrampicano, saltano, scivolano. Sotto, una catena incessante di danze che rimandano alla tradizione folk, al rito tribale. Un’insistenza insensata di bit che sfocia in una sessualità incontrollata. Con magistrale lucidità e impareggiabile poesia Marin disegna il girone infernale della società postmoderna, un’umanità ridotta a un refrain di sesso-divertimento-nulla da cui c’è una sola via d’uscita: la fuga.

 

 

|
'