Il Lago dei Cigni del Balletto di Milano al Teatro Nuovo.

Home/Notizie varie/Il Lago dei Cigni del Balletto di Milano al Teatro Nuovo.

Il Lago dei Cigni del Balletto di Milano al Teatro Nuovo.

Dopo la sfolgorante apertura della stagione al Teatro degli Arcimboldi dove con la sua Cenerentola ha registrato due entusiasmanti sold out, il Balletto di Milano torna in scena in Città con due sue produzioni dedicate ai grandi classici: Lo Schiaccianoci e Il Lago dei Cigni.A chiudere le festività natalizie sul palcoscenico del Teatro Nazionale il 7 gennaio è andato in scena lo Schiaccianoci, che torna a Milano dopo aver incantato decine di migliaia di spettatori in tutta Europa. Il 15 gennaio, sarà la volta del Lago dei Cigni al Teatro Nuovo, imperdibile anche per l’eccezionale presenza della prima ballerina guest Ekaterina Oleynik. Formatasi all’Accademia del Teatro di Minsk di cui è oggi principal e dove interpreta i primi ruoli di tutti i titoli del grande repertorio nonché vincitrice di prestigiosi premi internazionali, tra cui Varna accanto ad un giovanissimo Ivan Vasiliev, Ekaterina Oleynik ha già avuto modo di farsi apprezzare anche in Italia, étoile guest al Teatro San Carlo di Napoli per Giselle e Lo Schiaccianoci. A Milano sarà dunque Odette/Odile, doppio ruolo che incarna perfettamente, sia le meravigliose linee sia per la splendida interpretazione tramandata dalla leggendaria danse d’école russa. Accanto a lei il Principe di Federico Mella, mentre Alessandro Orlando è impegnato nel ruolo del Padre/Rothbart.
Accolta nell’originale allestimento di Marco Pesta, essenziale e fortemente evocativo, la versione del celebre balletto firmata dal coreografo estone Teet Kask, già autore per il Balletto di Milano della fortunata produzione Anna Karenina, si ispira e segue la celebre storia, trovando l’attualizzazione nella messinscena e ambientazione e non penalizzando la tradizionale magia degli atti bianchi e i virtuosismi della danza classica.
La produzione si contraddistingue per quell’eleganza e creatività della Milano internazionale, caratteristiche che si ritrovano anche nei costumi: abiti e tutù dalle linee morbide, preziosi nei tessuti dalle nuances di tinte pastello nel primo quadro, dai toni più scuri nel terzo.
Entrambe le produzioni vedono impegnato l’intero ensamble, ben valorizzato da coreografie che ne sottolineano l’alto livello tecnico ed interpretativo.

By |gennaio 11th, 2019|Notizie varie|0 Comments

About the Author: