does xanax show up the same as valium on a drug test buy valium volume high karle mp3 free download

soma suboxone interaction order soma linda and soma brave new world

ambien seroquel mix buy ambien online is ambien approved for long term use

trade name for ambien buy ambien cost of ambien 10mg

when can i refill my tramadol buy tramadol what's a recreational dose of tramadol

o todo é maior que a soma das partes buy soma o quadrado da hipotenusa é igual a soma dos quadrados dos dois

kelly paper soma buy soma soma health care ltd

duracion efectos valium 5 buy valium valium dose for small dog

san francisco real estate soma soma online soma de fraçao de mesma base

can you take soma muscle relaxers while pregnant carisoprodol soma soma stavanger

Notizie & Eventi

Le Ultime di Radio Danza
31 ottobre 2017

Le metamorfosi di Lenz Fondazione in scena a Milano

Daphne_You must be my tree, performance di Lenz Fondazione, giovedì 2 novembre alle ore 20.30 sarà in scena negli spazi di DiDstudio, a Milano, nell’ambito della diciannovesima edizione di Danae Festival. Daphne_You must be my tree costituisce uno dei dodici paragrafi di Radical Change, scrittura performativa da Le Metamorfosi di Ovidio. Suggeriscono i Direttori Artistici di Lenz Maria Federica Maestri e Francesco Pititto a proposito di quest’opera già presentata in numerosi Festival internazionali: «La storia mitologica della ninfa Dafne, dedita al piacere del la caccia ma turbata dal desiderio amoroso di Apollo, viene riletta attraverso un segmento performativo che mette al centro della drammaturgia il rapporto esclusivo con la materia legno, simbolo della metamorfosi della ninfa in albero. Se la vicenda mitologica narra infatti che la graziosa ninfa fuggì da Apollo e fu trasformata in un albero d’alloro dopo la sua preghiera al fiume Peneo (suo padre), la performance presenta la ninfa come una giovane bionda iconica, memoria delle giovani donne dei film di Jean-Luc Godard. Se la drammaturgia si fonda sul rapporto esclusivo ed unico con la materia-legno, i gesti e le microazioni sacrificali sono strutturate in un ambiente scenico estremamente semplificato: la giovane ninfa bionda entra in scena con una valigetta maschile che conserva al suo interno, come un documento segreto, la preghiera che rivolgerà al padre Peneo per sfuggire al desiderio amoroso di Apollo. Le sue mani, già pronte alla preghiera, costruiscono tramite i pezzetti di legno un altare corporeo per annunciare l’imminente atto metamorfico che le sarà presto concesso».

 

 

 

|
'