has ambien cr gone generic buy ambien ambien relaxation

valium and memory problems valium online can you take baclofen and valium together

tramadol hcl compared to hydrocodone tramadol 50mg pengaruh obat tramadol

valium and alcohol uk diazepam 5mg cost valium walgreens

como que faz uma soma no excel buy soma soma garaj taksi

tramadol coke comedown buy tramadol online tramadol and dexamethasone

zolpidem er vs ambien cr ambien pill ambient light sensor vizio

ambien violent buy ambien ambien buy Gilbert

soma san diego girl talk soma drug buy soma online Fayetteville

soma saker 3 buy soma online soma couro ribeirao preto

Notizie & Eventi

Le Ultime di Radio Danza
27 luglio 2017

La Piazza Grande di Montepulciano accoglie il Galà di danza del 42° Cantiere Internazionale d’Arte

Il 28 luglio a Montepulciano (ore 21.30), il 42° Cantiere Internazionale d’Arte, propone il Galà di danza, nello scenario rinascimentale di Piazza Grande. Un dittico di balletti che combina un “grande classico” e una nuova creazione, entrambi con musiche eseguite dal vivo e coreografie originali, con il coordinamento artistico di Azzurra Di Meco.

“Le sacre du printemps” di Igor Stravinskij è realizzato in collaborazione con Accademia Nazionale di Danza, mentre “Nero Giallo Bianco” è una prima assoluta commissionata a Davide Vannuccini.  Lo spettacolo si apre proprio con “Nero Giallo Bianco”, una composizione affidata al talentuoso producer Davide Vannuccini e ispirata alle fasi della ritualità sciamanica; la coreografa Maria Stella Poggioni coinvolge i giovani della sua École de Ballet. Nelle intenzioni del compositore, il paesaggio sonoro elettronico accoglie il corpo umano che soffre, si dimena e si muove in uno spazio sconfinato, costringendolo a contemplare se stesso. Oltre ai live electronics curati dallo stesso Vannuccini, ad impreziosire la parte musicale sono chiamati Maurizio Costantini (contrabbasso), Eros Terzuoli (sax tenore), Eleonora Pellegrini (arpa). “Le sacre du Printemps” di Stravinskij rinnova invece la collaborazione tra Cantiere Internazionale d’Arte e Accademia Nazionale di Danza che ha affidato la coreografia a Silvia Autorino e Giulia Bean, laureande del Biennio Compositivo. Una produzione tutta al femminile dove l’emblematica figura dell’Eletta si moltiplica per il numero delle interpreti con volute ed evidenti citazioni coreografiche al primo e scandaloso “Sacre” di Nijinskij del 1913, pietra miliare nella storia della danza. Sarà eseguita per l’occasione la versione per due pianoforti che vede impegnato il Duo Pianistico Firenze, composto da Sara Bartolucci e Rodolfo Alessandrini.

Radio Danza è media partner dell’iniziativa.

 

|
'