xanax .25 duration buy xanax zyprexa vs xanax

what should i feel on xanax buy xanax xanax 0.25 effet

soma himi mp3 song buy soma soma daki oteller

what are tramadol seizures like tramadol 50 mg tramadol methotrexate interaction

can i take penicillin with tramadol tramadol online overnight tramadol dosis iv pediatria

can i take ambien if pregnant buy ambien online does ambien ever not work

soma no formulario do access soma online como fazer soma em uma coluna do excel

tramadol washington state tramadol 50 mg drug interactions oxycodone and tramadol

does xanax make you feel like a zombie order xanax online lo xanax è antidepressivo

endone and valium valium medication laws on valium in uk

Notizie & Eventi

Le Ultime di Radio Danza
02 ottobre 2017

RadioDanza a Romaeuropa Festival: insieme per un viaggio nella grande danza.

RADIODANZA è ancora una volta  in prima fila per i suoi appassionati danzascoltatori per  seguire Romaeuropa Festival, uno dei Festival più eclettici e prestigiosi d’Italia con una trasmissione dedicata dal titolo semplice e funzionale #Ref17, hashtag della kermesse.

La trasmissione condotta da Azzurra Di Meco, Roberta Frenquelli e Federico Di Placido con la postazione mobile di Radiodanza si sposterà di volta in volta negli spazi degli eventi, nei foyer dei teatri con interviste esclusive agli artisti, ai coreografi, ai danzatori a ai curatori delle sezioni in programma, ai protagonisti dentro e fuori la scena.

Si  parte lunedì 18 settembre alle ore 11.45 con la diretta della conferenza stampa di presentazione di Romaeuropa Festival 2017 e le interviste alla coreografa tedesca Sasha Waltz che ci racconterà la sua ultima produzione coreografica Kreatur che aprirà il 20 settembre REF17. E ancora ai nostri microfoni ci sarà Fabrizio Grifasi, Direttore Generale e Artistico della Fondazione Romaeuropa per spiegarci il tema di questa trentaduesima edizione “Where are we now?” e illustrarci le sfide di questa cartellone ricco e articolato.

Da Sasha Waltz a Dada Masilo, da Sidi Larbi Cherkaoui Jan Fabre, e poi The Holy Body Tattoo, CollettivO CineticO e 40 artisti per la prima volta in programma tra i quali , Dorothée Munyaneza, She She Pop con Zeikratzer, , Azzurra De Gregorio: star e nuove leve della creazione contemporanea che danno vita a un caleidoscopio di forme espressive e che a loro modo  rispondono alla domanda centrale Where are we now? titolo e fil rouge di questa nuova edizione. Fra danza, circo, musica, performance con  trecento artisti provenienti da ben 32 Paesi.

Diverse e numerose le sezioni del Festival che RADIODANZA seguirà per i suoi appassionati.

VISIONS Spettacoli sospesi tra tradizione e futuro, scene di emozioni, sensazioni e sogni, nuovi rituali che pongono in dialogo il patrimonio culturale e i paesaggi del futuro: il REf17 inaugura nel segno di nuove visioni con Sasha Waltzil 20 settembre al Teatro Argentina (prima delle collaborazioni con il Teatro di Roma).Prosegue questo percorso visionario la coreografa sudafricana Dada Masilo, in scena con la sua rabbiosa rilettura di Giselle sulle musiche composte da Philip Miller e con le immagini di William Kentridge; Aurélien Bory che con la sua Compagnie 111 in Espæce dà vita ad un vero e proprio omaggio a Georges Perec trasformando le sue parole in pura, stupefacente materia.

SHARING | Dall’elettronica alla techno, dai ritmi tribali alla musica sinfonica incontrando canti coreani e strumenti indiani: Sharing è condivisione di saperi e identità, l’incontro di artisti provenienti da ambiti disciplinari diversi che mettono in gioco le proprie capacità. Sidi Larbi Cherkaoui dispiega nel suo Fractus V danzatori e musicisti dalla provenienza geografica e dal background diversissimo per affrontare attraverso le parole del linguista e filosofo Noam Chomsky il problema della comunicazione tra propaganda e neutralità. Dal Canada arriva l’energia rock di The Holy Body Tattoo per rimettere in scena, insieme alla celebre band post rock Goodspeed You! Black Emperormonumental, spettacolo/concerto tra i cult della danza contemporanea. Il dialogo tra musica e performance continua con il coreografo Jan Martens che in RULE OF THREE si confronta con il musicista hardcore NAH e con il collettivo femminile She She Pop che in Play! riflette sulla struttura canonica di un concerto e sulle usanze di tale cerimonia ponendo ironicamente in disagio il gruppo di compositori e musicisti tedeschi zeitkratzer.

SELFIE | Storie reali di uomini e di artisti che attraversano il proprio universo privato e le proprie visioni del mondo: Con BELGIAN RULES/BELGIUM RULES, un’invettiva e al contempo una dedica al Belgio, Jan Fabre torna al Romaeuropa Festival dopo aver presentato nel 2015 il suo Mount Olympus, opera di 24 ore vincitrice del Premio Ubu 2016. A questo spettacolo monumentale è dedicato il film Surrender diretto da Phil Griffin che attraversa i processi creativi del grande artista Belga e approfondisce il rapporto con i suoi performer “guerrieri della bellezza”.

POWERFUL STORIES | Il reale, con le sue potenti storie e con le sue contraddizioni irrompe sulla scena nudo e senza filtri,Tagliente è lo sguardo danzante di Dorothée Munyaneza, cantante e performer per la prima volta a Roma con il suo Unwanted, raccolta di testimonianze in forma poetica sul tema della violenza sulle donne in Rwanda e nel mondo..

 

REF KIDS: SPETTACOLI SENZA ETÀ  |  Novità assoluta del Romaeuropa Festival 2017 è REF KIDS, focus di spettacoli internazionali destinati a un pubblico più giovane (dai 18 mesi in su) che si articolerà in tre differenti fine settimana presso La Pelanda – MACRO Testaccio di Roma e La Factory. Se ad aprire il focus è la celebre Akram Khan Company in scena con Chotto Desh versione per bambini del capolavoro Desh, il percorso dedicato al giovane pubblico continua con l’elegante mondo di percussioni costruito da Theater de Spiegel in BEAT THE DRUM!, gli illusionismi di BonteHond alle prese con cattivissimi ma simpatici Ipad, un viaggio su una fantastica mongolfiera con i Farrès brothers i cia e le avventure in foreste incantate con teatrodelleapparizioni. Suoni e immagini s’intersecano in Sensacional della compagnia spagnola IMAGINART, nella stupefacente macchina sonora costruita da Laurent Bigot in Le Petite Cirque e negli spettacoli della compagnia STEREOPTIK, di ritorno al Romaeuropa Festival dopo il successo dello scorso anno, con Dark Circus e Congès PayèsRustica X Band, la celebre band guidata da Pasquale Innarella, presenta un nuovo appassionante concerto per far festeggiare spettatori di tutte le età. I laboratori in lingua inglese curati dall’associazione ARTandSEEKsono dei ludici momenti di approfondimento e sperimentazione artistica. Contemporaneamente, l’attiguo spazio della Factory diventa un poliedrico playground per il giovane pubblico e le famiglie, nel quale un’installazione sonora e spaziale ideata dal teatrodelleapparizioni, un’opera della street artist Alicé coesistono con la mostra di illustrazione Quindici Uomini curata dall’associazione B17 Illustration ed uno spazio ad hoc, arredato con le creazioni di Fables’ Secrets, dove si terranno incontri di lettura e laboratori. Talks di approfondimento organizzati in collaborazione con Famiglia punto zero, incubatore culturale di contenuti e progetti sulla cultura della genitorialità, arricchiscono la programmazione, infine con Casa dello Spettatore ci si interrogherà sulla funzione e responsabilità dei genitori come “mediatori” culturali.

ANNI LUCE E DANCING DAYS: SGUARDI AL FUTURO I Al nuovo teatro è dedicato Anni Luce, che trasforma il Romaeuropa festival in una sonda intergalattica pronta a navigare in territori lontani dalla consuetudine per scoprire alcuni degli artisti indipendenti più innovativi del giovanissimo panorama italiano: in scena a La Pelanda, la nuova drammaturgia di Giuliano Scarpinato, le sperimentazioni corporee e musicali di Industria Indipendente, il citazionismo visionario di Azzurra De Gregorio, e le scritture sceniche di Dante Antonelli.

Ai nomi più interessanti della danza europea, sono invece dedicate le giornate di Dancing Days, artisti ormai riconosciuti a livello internazionale che stanno scompigliando il panorama coreografico con i loro spettacoli eclettici ed imprevedibili. Ad aprire queste giornate di danza è CollettivO CineticO: la compagnia fondata da Francesca Pennini presenta il suo nuovo spettacolo Benvenuto Umano, protagonista un’eclettica tribù di performer e circensi. Dall’Olanda Arno Schuitemaker porta in scena I will wait for you e trasforma i suoi sentimenti realmente esperiti durante una relazione a distanza in una performance dal linguaggio astratto e minimale. Il rapporto tra musica e corpo è protagonista degli spettacoli di Jesús Rubio Gamo (Spagna), Jonas&Lander (Portogallo) Daniele Ninarello e Francesca Foscarini (Italia), insieme alla compagnia Timothy and the Things (Ungheria), tutti parte della selezione del newtork Aerowaves per il 2017. Torna il premio DNA appunti coreografici destinato ai giovanissimi coreografi alle prese con la loro prima opera e vinto, lo scorso anno, dal duo Orlando Izzo | Angelo Petracca in scena per Dancing Days con Trattato semiserio di oculistica. La coreografa italiana Floor Robert, infine, ci conduce indietro nel tempo, al nostro immaginario infantile con il suo INFLUENZA, rappresentante della più giovane coreografia italiana.

COMMUNITY: Spazi di incontro  |  REF17 non è solo spettacoli ma anche comunità: Masterclass che offrono possibilità di incontro e studio con i coreografi di rilievo internazionale ospiti del festival, laboratori, per far entrare lo spettatore nelle dinamiche sceniche e nei gesti dei coreografi, talks e dibattiti.

In occasione della presentazione del libro Corpi in Bilico. Danza contemporanea per attoriMonica Vannucchi, Vicedirettrice e docente di danza contemporanea dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico, attraversa il materiale d’archivio della Fondazione Romaeuropa per costruire un incontro omaggio a Trisha Brown, figura centrale nei 32 anni di vita del festival. L’attualità e le problematiche del reale, affrontate da alcuni spettacoli, sono protagoniste di due talks organizzati in collaborazione con Internazionale in occasione degli spettacoli di Agrupacion Señor Serrano e Dorothée Munyaneza. Si rinnova l’appuntamento con Post It, il ciclo di incontri post-spettacolo con gli artisti del festival che in collaborazione con Rai Radio3 coinvolgerà le grandi icone dello spettacolo dal vivo: Sasha Waltz, Sidi Larbi Cherkaoui, The Holy Body Tattoo, e tanti ancora.

DIGITALIFE: Il corpo tra arte e scienza  |  Arte e scienza dialogano nelle giornate conclusive del festival, pensate come parte integrante di Digitalife 2017Where are we now? È il titolo del simposio che tenta di rispondere alla domanda che ha attraversato l’intera trentaduesima edizione di Romaeuropa attraverso una riflessione sul corpo e il suo rapporto con le nuove tecnologie: Organizzato dal Prof. Massimo Bergamasco, l’evento si compone come un insieme di talks con illustri ricercatori, e vede protagonista l’artista che ha fatto del suo stesso corpo una scultura cyberpunk vivente: STELARC. Radiodanza non mancherà con un’intervista speciale al curatore di questo incobìntro.

Il corpo è ancora protagonista delle performance di ArtOnTime, un premio ma anche un progetto espositivo e curatoriale ideato e lanciato da Marco Trevisan, consulente di Christie’s, dal collezionista Giorgio Fasol e da Tommaso Cinti, gestore della piattaforma di crowdfunding Artraising.org. Giordano RushLuigi PresicceJulia KrahnInvernomuto, artisti selezionati da un’importante giuria – composta dallo stesso Fasol, dal curatore Antonio Grulli, da Riccardo Lisi (direttore de La Rada di Locarno) e dalla Presidente della Fondazione Romaeuropa Monique Veaute – presentano le loro performance al Romaeuropa Festival, come ultima tappa del progetto.

Scoprire, stimolare e affiancare il percorso dei grandi artisti e delle nuove proposte è sempre stato un impegno della Fondazione Romaeuropa, per intercettare la contemporaneità, per anticipare ogni possibile mutamento culturale, sociale, esistenziale e per scandagliare creatività, linguaggi e visioni in giro per il mondo. E in questa indagine, che è allo stesso tempo scoperta, RADIODANZA è con Romaeuropa e invita tutti i suoi danzascoltatori: VI ASPETTIAMO! SEGUITECI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK PER SCOPRIRE IL CALENDARIO DELLE TRASMISSIONI DI  #REF 17

 

|
'