top of page

PAUL STEFFEN

dai musical ai varietà televisivi italiani




L’Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi ha ospitato il 10 maggio il secondo appuntamento del ciclo di conferenze:” La tradizione nelle pratiche di danza contemporanea. Memorie, documenti e prospettive”. AIRdanza, l’associazione italiana per la ricerca sulla danza, è la promotrice di questi eventi.

L’incontro, diretto da Maria Grazia Sarandrea, ha percorso la vita e gli eventi salienti della carriera del coreografo e danzatore statunitense Paul Steffen, arricchendo la rievocazione della sua memoria con filmati privati e rari forniti da persone a lui vicine, nella vita e nel lavoro.

Gli incontri di danza che celebrano, omaggiano i grandi del passato non sono solo un’occasione per non dimenticare, ma per mantenere assolutamente in vita gli insegnamenti e le visioni luminari di chi la danza l’ha vissuta e l’ha fatta vivere agli altri.

Fra le varie testimonianze presenti all’incontro è emersa la voce comune che ricorda di Paul Steffen non solo la sua verve coreografica innovativa e moderna, ma anche la sua attitude ad essere, prima dei tempi, un “formatore dello spirito” dei suoi danzatori.

“Never say I can’t do it” - Non dire mai che non ce la posso fare - ricordava Steffen. E Radio Danza se ne fa portavoce con entusiasmo.

VaLerio Villa




6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page